12/08/2019

Sezione Lavoro Sentenza n. 20997 del 27/6/2019 Pubblico impiego – segretario comunale – maggiorazione della retribuzione di posizione – art. 41 comma 5 del CCNL 16/5/2001 – interpretazione autentica – principi di diritto

Stampa PDF
Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (CORTE CASS. Sent. 20997 - 2019.pdf)CORTE CASS. Sent. 20997 - 2019.pdf 446 Kb

Segnalazione da U.O. Monitoraggio contratti e legale

La Corte respinge il ricorso di un segretario comunale presentato avverso la sentenza della Corte Territoriale che gli aveva imposto la restituzione delle somme percepite a titolo di maggiorazione della retribuzione di posizione. I giudici ricordano la funzione nomofilattica attribuita alla Suprema Corte dall’art. 63 del d.lgs. n. 165/2001 nella interpretazione della contrattazione collettiva nazionale nel settore dell’impiego pubblico contrattualizzato, e su questa base riportano il principio di diritto stabilito dalla Corte stessa riguardo all’interpretazione dell’art. 41 comma 5 del CCNL 16/5/2001 per i segretari comunali, articolo su quale il ricorrente aveva basato il suo ricorso. Dicono i giudici: “in tema di rapporto di impiego dei segretari comunali e provinciali, ai fini dell'applicazione della regola - ex art. 41, comma 5, del c.c.n.l. del 16 maggio 2001 - del c.d. "riallineamento" della retribuzione di posizione del segretario a quella stabilita per la funzione dirigenziale più elevata dell'ente, si deve tener conto dell'importo minimo, di cui al comma 3, della predetta retribuzione, comprensivo della maggiorazione eventualmente riconosciuta ai sensi del successivo comma 4, avuto riguardo, da un lato, all'interpretazione letterale del comma in questione, che, nell'attribuire alle parti la facoltà di maggiorare i compensi del segretario, richiama quelli di cui al precedente comma 3 e non quelli del comma 5; nonché, dall'altro, alla funzione non corrispettiva bensì perequativa del "riallineamento", sicché è aderente alla "ratio" della disposizione pattizia - da individuarsi nella particolarità delle funzioni che il segretario espleta presso l'ente locale - che alla perequazione si pervenga con riferimento alla retribuzione di posizione complessiva» ( Cass. n. 5284/2018 e negli stessi termini Cass. n. 4619/2019). I giudici concludono poi la disamina del citato art. 41 del CCNL con chiarimenti riguardo anche ai commi 3 e 4 dell’articolo stesso.

 
Banca Dati Contratti Integrativi
Iscriviti alla newsletter - AranSegnalazioni