27/12/2018

Sezione Lavoro Sentenza n. 28926 del 12/11/2018 Licenziamento a causa di matrimonio art. 35 d.lgs. n. 198/2006 – divieto – solo per lavoratrici donne – presunto trattamento discriminante in ragione del sesso – non sussiste – principi di diritto

Stampa PDF
Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (CORTE CASS. Sent. 28926 - 18.pdf)CORTE CASS. Sent. 28926 - 18.pdf 576 Kb

Segnalazione da U.O. Monitoraggio contratti e legale

Il dipendente di una compagnia privata ricorre contro il licenziamento intimatogli dalla datrice di lavoro e avvenuto, a suo dire, per causa di matrimonio, sollevando così un problema di trattamento disparitario per ragione di sesso in quanto la nullità del licenziamento a causa di matrimonio (art. 35 d.lgs. n. 198/2006 – Codice delle pari opportunità) è limitata alla sola lavoratrice donna. La Corte respinge la domanda del ricorrente e partendo dalla sentenza n. 27/1969 della Corte Costituzionale, ripercorre le motivazioni che hanno portato alle attuali disposizioni inserite nel Codice delle pari opportunità e alla normativa europea per l’antidiscriminazione della donna, che si trova nella Carta dei diritti fondamentali della U.E. La causa riguarda un dipendente privato, ma le argomentazioni ed i principi illustrati dalla Corte sono applicabili ovviamente anche ai pubblici dipendenti.

 
Banca Dati Contratti Integrativi
Iscriviti alla newsletter - AranSegnalazioni