12/02/2020

Sezione lavoro Sentenza n. 30061 del 19/11/2019 Pubblico impiego – A.F.A.M. - Funzioni di direttore per incarico temporaneo – Normativa di riorganizzazioni del Conservatori – Conferma del personale preesistente nel medesimo stato giuridico posseduto, sen

Stampa PDF
Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (30061-2019.pdf)30061-2019.pdf 318 Kb

Segnalazione da U.O. Monitoraggio contratti e legale

La Corte interviene sulla richiesta di diritto al mantenimento a tempo indeterminato delle funzioni di direttore di Conservatorio in forza di provvedimenti ministeriali di recepimento delle elezioni interne, con riconoscimento di ogni consequenziale trattamento economico e normativo pur essendo scaduto il termine finale dei predetti incarichi. Il ricorrente sostiene la violazione dell’art.2 co.6 d. lgs n.508/1999 che, consolidando le “funzioni” in essere dei docenti con inserimento di un ruolo ad esaurimento, avrebbe il medesimo effetto anche a chi fosse, all’epoca, docente-direttore. La Corte afferma che il ricorrente all’epoca del varo della riforma delle Accademie e dei Conservatori era docente a tempo indeterminato, con funzioni di direttore “per incarico temporaneo” e non era dunque direttore assunto a tempo indeterminato per pubblico concorso (art. 241 co. 4 d. l.gs 297/1994). Pertanto la richiamata violazione dell’art.2 co.6 d. lgs n.508/1999 non sussiste poiché lo scopo cui è volta era quello di disciplinare con un ruolo ad esaurimento la posizione di chi operava a tempo indeterminato e non anche quella di stabilizzare situazioni dirigenziali strutturalmente temporanee, quale era nel caso di specie, ai sensi dell’art. 241 co. 4 d. lgs 297/1994, quella di dirigente non proveniente da concorso pubblico. Pertanto la Corte afferma il principio di temporaneità degli incarichi di cui alla disciplina generale dell’art 19 d.lgs. 29/1993, poi art.19 d. lgs 165/2001 e la regola generale per cui l’accesso alla qualifica di dirigente di ruolo nelle amministrazioni statali, anche ad ordinamento autonomo e negli enti pubblici economici avviene esclusivamente a seguito di concorso per esami (art. 28 d. lgs 29/1993) o corso concorso selettivo (art.28-bis d.lgs 29/1993). Né tanto meno l’equiparazione tra direttori di conservatorio e dirigenti scolastici può aver dato carattere di eccezionalità - da prevedere comunque espressamente – tale da comportare stabilizzazioni di incarichi o qualifiche che non siano espressamente previste dalla normativa speciale propria dei direttori di conservatorio o della dirigenza A.F.A.M.

 
Banca Dati Contratti Integrativi
Iscriviti alla newsletter - AranSegnalazioni