30/11/2018

Sezione Regionale controllo Piemonte n. 124/2018 Enti Locali – Trattamento accessorio - Non è ridotto per cessazioni ma solo per violazione patto di stabilità

Stampa PDF
Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (CC-Sez.-Controllo-Piemonte-del.-n.-124-18.pdf)CC-Sez.-Controllo-Piemonte-del.-n.-124-18.pdf 106 Kb

Segnalazione da UO Monitoraggio contratti e legale

I magistrati contabili intervengono in ordine alle modalità di riduzione delle risorse destinate al trattamento accessorio del personale. A tale proposito evidenziano che “l’art. 23 co. 2 del d.lgs. 75/2017 prevede l’obbligo di riduzione dell'ammontare complessivo delle risorse per il trattamento accessorio del personale in misura proporzionale alla riduzione del personale in servizio solo per gli enti che non hanno rispettato il patto di stabilità interno nel 2015”. Da tale formulazione letterale deriva che, secondo una condivisa linea interpretativa dalla giurisprudenza contabile, “per gli enti rispettosi del patto e, dunque, al di fuori dell’ipotesi eccezionale specificamente prevista dalla norma, la riduzione del personale in servizio non comporti automaticamente l’obbligo di ridurre in misura proporzionale le risorse disponibili per il trattamento accessorio del personale” ( ex multis Sez . Autonomie n. 19/2018).

 
Banca Dati Contratti Integrativi
Iscriviti alla newsletter - AranSegnalazioni