13/02/2017

Fabbisogni standard e capacità fiscali nel sistema perequativo dei Comuni – Nota di lavoro 1/2017

Stampa PDF
Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (Nota-1_2017.pdf)Nota-1_2017.pdf 1760 Kb

Segnalazione da UO Studi e analisi compatibilità

L’Ufficio Parlamentare di Bilancio ha pubblicato la Nota di lavoro 1/2017 che esamina la ripartizione del Fondo di solidarietà comunale (FSC) nel 2017, sulla base delle cifre ufficiali pubblicate dal ministero dell’Interno. I trasferimenti ai Comuni, per il terzo anno consecutivo, saranno determinati in parte in base ai nuovi criteri perequativi costruiti sui fabbisogni standard e sulla capacità fiscale stimati per ciascun ente. L’analisi evidenzia anche gli effetti redistributivi ipotizzabili quando, nel 2021, la normativa sarà destinata ad andare a regime e la componente perequativa verrà applicata in misura rafforzata rispetto ad oggi. La Nota illustra le caratteristiche del FSC mediante il quale vengono determinati i trasferimenti a favore dei Comuni (capitolo 2). Successivamente viene approfondita la metodologia di determinazione dei fabbisogni standard (capitolo 3) e delle capacità fiscali (capitolo 4), mettendone in luce i profili critici e le revisioni recenti. Il capitolo 5 descrive i risultati del calcolo dei fabbisogni standard e delle capacità fiscali attraverso un’analisi congiunta che evidenzia come tra i due termini emergano spesso effetti di compensazione. Nel capitolo 6 si ritorna alla trattazione più generale dei trasferimenti prodotti dal FSC illustrandone gli effetti redistributivi con riferimento alla ripartizione che sarà applicata nel 2017, anche isolando l’impatto delle modiche di recente introdotte sulle procedure di determinazione dei fabbisogni standard. In chiusura lo stesso capitolo presenta gli effetti redistributivi prodotti dal FSC nella configurazione che la normativa considera a regime (2021), quando la componente perequativa verrà applicata in misura rafforzata rispetto allo scenario attuale. Infine, un ulteriore esercizio di simulazione misura gli effetti redistributivi nel caso in cui la perequazione dei fabbisogni standard e delle capacità fiscali venga applicata in misura ancor più pervasiva, annullando il peso della componente dei trasferimenti storici. Il capitolo 7 sintetizza i principali risultati del lavoro.

 
Banca Dati Contratti Integrativi
Iscriviti alla newsletter - AranSegnalazioni