03/11/2020

CQRS155

E’ possibile concedere una aspettativa sindacale part-time in favore di un dipendente già con rapporto di lavoro part-time verticale qualora l’aspettativa vada a coprire l’intera prestazione lavorativa che sta rendendo il dipendente?

La disciplina delle aspettative sindacali part-time si rinviene nell’art. 15, comma 2 del CCNQ 4 dicembre 2017 che rinvia alla regolamentazione prevista all’art. 8 del medesimo CCNQ per i distacchi sindacali part-time. Quest’ultimo articolo, al comma 3, consente l’utilizzo dei distacchi (e analogamente delle aspettative non retribuite) con articolazione della prestazione lavorativa ridotta ai solo dipendenti titolari di rapporto di lavoro a tempo pieno. Ciò vuol dire che non è consentito ad un dipendente che già fruisce di un rapporto di lavoro part-time di attivare un distacco o una aspettativa che riduca ulteriormente la prestazione lavorativa. A titolo di esempio, se un dipendente presta servizio al 70% non potrà richiedere un distacco o una aspettativa part-time che interessi il 40% della prestazione che rende nei confronti dell’amministrazione.

Conseguentemente, nel caso in esame, ove l’aspettativa sindacale sia stata richiesta a copertura dell’intera prestazione lavorativa part-time, la stessa non sarà considerata part-time ma “integrale” interessando l’intera prestazione che il lavoratore è tenuto a rendere in ragione delle caratteristiche del proprio rapporto di lavoro part-time. Pertanto, in presenza dei requisiti soggettivi previsti dall’art. 15, comma 1 del CCNQ citato (essere dipendenti con rapporto di lavoro a tempo indeterminato o determinato ed essere dirigenti sindacali ricoprenti cariche in organismi direttivi statutari di associazioni sindacali rappresentative), l’aspettativa dovrà essere concessa.