10/01/2015

M_228_Orientamenti_applicativi

Stampa PDF

Come va calcolata l’anticipazione del trattamento di trasferta spettante al dipendente? Può lo stesso dipendente rifiutare la prestazione comandata nel caso in cui, per ragioni organizzative dell’amministrazione, si è nella impossibilità di corrispondere tale anticipazione?

R. Sulla base di quanto disposto dall’art. 30, comma 8, del CCNL del 16.05.2001, al dipendente inviato in trasferta secondo le modalità e i tempi di durata previsti (OPPURE secondo la disciplina contenuta) nel citato articolo, spetta una anticipazione non inferiore al 75% dell’importo presumibilmente necessario per l’espletamento delle trasferta stessa.

Peraltro, si ritiene che il dipendente non possa rifiutare, senza motivata e circostanziata giustificazione, la prestazione lavorativa comandata dall’amministrazione.

 
Iscriviti alla newsletter - AranSegnalazioni
Banca Dati Contratti Integrativi
Direzione Contrattazione 1

Tel. 06.32.483.231/232
Fax. 06.32.483.393
Direttore: Dott.ssa Maria Vittoria Marongiu