30/09/2020

CIRU27

Stampa PDF

Quando si può considerare superato il periodo di comporto e da quando decorre l’ulteriore periodo di diciotto mesi non retribuiti previsti dall’art. 35, comma 2, del CCNL Università 16.10.2008? Tale periodo è frazionabile?

Al superamento dei diciotto mesi di assenza per malattia, che comporta la decadenza al diritto della conservazione del posto, il lavoratore può richiedere un ulteriore periodo di diciotto mesi senza assegni. L’amministrazione valuta se concedere o meno tale periodo in relazione alla possibilità di recuperare il dipendente al servizio attivo. In caso di accoglimento, il suddetto periodo decorre dal termine dei primi diciotto mesi di assenza per malattia. L’amministrazione, prima di concedere l’ulteriore periodo di 18 mesi di assenza non retribuita, accerta le condizioni di salute del lavoratore e, in caso di assoluta inidoneità del dipendente a svolgere qualsiasi proficuo lavoro, applica la disciplina prevista dal d.P.R. 27 luglio 2011, n. 171. Per quanto riguarda le modalità di fruizione di tale periodo, la formulazione adottata nel CCNL non consente un utilizzo dello stesso in misura frazionata. Al lavoratore è, comunque, consentita la ripresa del servizio nel caso sopraggiunga la completa guarigione prima che scadano i diciotto mesi.

 
Iscriviti alla newsletter - AranSegnalazioni
Banca Dati Contratti Integrativi
Direzione Contrattazione 1

Tel. 06.32.483.231/232
Fax. 06.32.483.393
Direttore: Dott.ssa Maria Vittoria Marongiu