30/09/2020

CIRU26

Stampa PDF

Ai fini del computo del comporto e relativo trattamento economico spettante, cosa si intende per unico evento di malattia?

L’evento morboso si considera unico sia nel caso in cui l’assenza sia attestata mediante un unico certificato, sia qualora essa sia attestata con più certificati che prorogano la prognosi originariamente formulata, senza la ripresa effettiva del servizio. L’evento morboso si considera, altresì, unico nel caso in cui l’assenza si protragga senza soluzione di continuità, pur se risulta essere stata originata da prognosi differenti. Nel calcolo del periodo di assenza per malattia, secondo l'orientamento giurisprudenziale ormai consolidato, devono essere computati anche i giorni festivi e/o non lavorativi ricadenti nel periodo stesso. A titolo esemplificativo, in caso di orario lavorativo su cinque giorni settimanali, qualora l’ultimo giorno di assenza per malattia cada nella giornata di venerdì ed il lunedì successivo il lavoratore riprenda servizio, le giornate del sabato e della domenica antecedenti non rientrano nel conteggio; nell’ipotesi, invece, in cui il lavoratore, che risulta ammalato fino al venerdì, presenti per il lunedì successivo un nuovo certificato di malattia, anche il sabato e la domenica (e/o eventuali festività) intercorrenti tra entrambi i periodi di malattia saranno conteggiati nel calcolo dell’assenza.

 
Iscriviti alla newsletter - AranSegnalazioni
Banca Dati Contratti Integrativi
Direzione Contrattazione 1

Tel. 06.32.483.231/232
Fax. 06.32.483.393
Direttore: Dott.ssa Maria Vittoria Marongiu