16/01/2023

CFL199

Stampa PDF

Un dipendente assunto per mobilità nel corso del 2022 presso l’ente X può far valere le disposizioni sul patrocinio legale, di cui al nuovo CCNL del 16.11.2022, nei confronti di quest’ultimo ente per un fatto si connesso alle sue funzioni, ma commesso nel corso del 2020 quando era alle dipendenze di altro Ente? In sostanza su quale ente grava l’onere della tutela prevista in materia di patrocinio legale?

 

Per quanto di competenza, si evidenzia che, a seguito della sottoscrizione del CCNL relativo al periodo 2019/2021, in data 16 novembre 2022, la disciplina del patrocinio legale è attualmente contenuta nell’art. 59 del richiamato testo contrattuale; la stessa è stata rivisitata con interventi significativi che hanno sostanzialmente potenziato la tutela ivi contenuta.

Sulla particolare fattispecie illustrata il CCNL non entra nel merito, ma si ritiene che l’Ente cui il dipendente dovrebbe rivolgere le proprie pretese, fermo restando i presupposti legittimanti la tutela in esame, sia quello a cui afferiscono i fatti all’epoca contestati. Tra l’altro con riferimento, in particolare, all’assenza del conflitto di interesse, presupposto che, in continuità con la previgente disciplina di cui all’art. 28 del CCNL del 14.9.2000 deve essere escluso ai fini dell’applicazione dell’istituto contrattuale, si evidenzia che, come espressamente precisato dal comma 2 della nuova norma, la tutela del patrocinio legale  può essere riconosciuta (mediante rimborso delle spese legali e di consulenza) anche nei casi in cui “al dipendente non sia stato possibile applicare inizialmente il comma 1” (assunzione a carico dell’ente  di ogni onere di difesa, ivi inclusi quelli relativi alle fasi preliminari e ai consulenti tecnici per tutti i gradi di giudizio).

 
Iscriviti alla newsletter - AranSegnalazioni
Banca Dati Contratti Integrativi
Direzione Contrattazione 2

Tel. 06.32.483.262
Fax. 06.32.483.212
Direttore: Dott. Gianfranco Rucco