25/03/2022

CE Sez. 3, 10 febbraio2022 n. 485-C - Divieto di discriminazione basata sulla disabilità - Obbligo di riassegnazione ad un altro posto di lavoro

Stampa PDF
Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (cec485_20.pdf)cec485_20.pdf 125 Kb

Segnalazione da U.O. Monitoraggio contratti e legale

Con sentenza del 10 febbraio 2022, la Corte di Giustizia Europea ha chiarito che un lavoratore disabile, compreso quello che svolge un tirocinio post-assunzione, che sia dichiarato inidoneo ad esercitare le funzioni essenziali del posto da lui occupato può beneficiare della riassegnazione ad un altro posto per il quale dispone delle competenze, delle capacità e delle disponibilità richieste. In particolare la Corte ha stabilito che: “L'articolo 5 della direttiva 2000/78/CE del Consiglio, del 27 novembre 2000, che stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro, deve essere interpretato nel senso che la nozione di «soluzioni ragionevoli per i disabili», ai sensi di tale articolo, implica che un lavoratore, compreso quello che assolve un tirocinio post-assunzione, il quale, a causa della sua disabilità, sia stato dichiarato inidoneo ad esercitare le funzioni essenziali del posto da lui occupato, sia destinato ad un altro posto per il quale dispone delle competenze, delle capacità e delle disponibilità richieste, a meno che una tale misura non imponga al datore di lavoro un onere sproporzionato”.

 
Iscriviti alla newsletter - AranSegnalazioni
Banca Dati Contratti Integrativi