10/02/2021

Sezione Lavoro Sentenza n. 29455 del 23.12.2020 Pubblico impiego - docenti - immissioni in ruolo successive al CCNL 4/8/2011 - disparità di trattamento - procedura di interpretazione autentica

Stampa PDF
Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (20201223_29455.pdf)20201223_29455.pdf 551 Kb

Segnalazione da U.O. Monitoraggio contratti e legale

La Suprema Corte si è pronunciata accogliendo il ricorso proposto dal MIUR avverso la sentenza del Tribunale di primo grado e cassando la relativa sentenza, riguardo alle fattispecie per le quali è consentito il ricorso allo speciale procedimento di accertamento pregiudiziale sull'efficacia, validità ed interpretazione dei contratti collettivi nel pubblico impiego, ai sensi dell'art. 64 d.l.vo 165/2001. Oggetto del ricorso in primo grado ha riguardato la disparità di trattamento conseguente all’applicazione della progressione economica di carriera più svantaggiosa prevista dal CCNL Scuola del 4/8/2011. La Corte ha accolto il ricorso ma sulla sola eccezione di legittimità della questione pregiudiziale attivata con la procedura di interpretazione autentica, chiarendo che tale procedura può essere attivata dal giudice di merito solo se collegata al caso in esame. Il potere del giudice è pertanto vincolato alla disapplicazione della clausola interpretata, ma non ha il potere di dichiararla nulla. La nullità è prevista solo nelle ipotesi di contrasto con norme imperative di legge non derogabili dalla contrattazione collettiva e con norme di diritto comunitario. Su questo ultimo caso la Corte ha inteso anche chiarire le conseguenze in materia: una eventuale declaratoria di nullità comporta la diretta applicazione di quanto affermato dalla Corte di Giustizia europea o dalle norme di diritto europeo (per es. sulla parità di trattamento).

 
Iscriviti alla newsletter - AranSegnalazioni
Banca Dati Contratti Integrativi