22/12/2020

Sezione Lavoro Sentenza n. 27420 del 1/12/2020 Pubblico impiego – incompatibilità dipendenti pubblici e imprenditori agricoli - ricorso infondato

Stampa PDF
Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (20201201n27420.pdf)20201201n27420.pdf 524 Kb

Segnalazione da U.O. Monitoraggio contratti e legale

Non si può essere allo stesso tempo dipendenti pubblici e imprenditori agricoli. Anche se l'azienda è di "modeste dimensioni" e l'attività agricola non è espressamente menzionata tra le attività incompatibili indicate dall'articolo 60 del Dpr n. 3/1957, il divieto va interpretato "in un senso più aderente alla realtà attuale", e allora non può che intendersi riferito anche alla impresa agricola. La Corte evidenzia, infatti, che non è la remunerazione che il dipendente ottenga da un'attività esterna ma la sussistenza di un centro di interessi alternativo all'ufficio pubblico rivestito implicante un 'attività che, in quanto caratterizzata da intensità, continuità e professionalità, pregiudicando il rispetto del dovere di esclusività, potrebbe turbare la regolarità del servizio o attenuare l'indipendenza de lavoratore pubblico e conseguentemente il prestigio della P.A. La ratio del divieto è, pertanto da ricercare nel principio costituzionale (art. 98 Cost.) di esclusività della prestazione lavorativa a favore del datore di lavoro pubblico.

 
Iscriviti alla newsletter - AranSegnalazioni
Banca Dati Contratti Integrativi