23/11/2020

Sezioni Unite Sentenza n. 25369 del 11/11/2020 Pubblico impiego – incompatibilità, cumulo di impieghi e incarichi del lavoro pubblico contrattualizzato

Stampa PDF
Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (20201111_snciv-sU0-a2020-n25369.pdf)20201111_snciv-sU0-a2020-n25369.pdf 946 Kb

Segnalazione da U.O. Monitoraggio contratti e legale

Le Sezioni Unite si sono pronunciate riguardo alla definizione della natura del rapporto di lavoro del direttore generale del SSN e se essa sia tale da determinare l'assoggettamento del rapporto stesso alla disciplina prevista per i dipendenti pubblici in materia di incompatibilità, cumulo di impieghi e incarichi, dettata dall'art. 53 del d.lgs. n. 165 del 2001 con specifico riguardo l'obbligo di cui al comma 9 dell'art. 53 del d.lgs. n. 165 del 2001. In passato la Corte aveva precisato che il rapporto di lavoro del direttore generale di un'Azienda sanitaria ha carattere esclusivo ed è incompatibile con l'instaurazione di altri rapporti di carattere dipendente o autonomo. Inoltre, la disciplina generale sulla materia risponde alla logica di puntare su Pubbliche Amministrazioni organizzate in modo da tutelare sia la salute e la sicurezza dei lavoratori sia la "salus" di tutto il contesto lavorativo, quindi la legalità e l'etica di tale contesto e - tramite il lavoro pubblico - la legalità e l'etica dello Stato, per dare migliore attuazione al disposto degli artt. 97 e 98 Cost. In quest’ottica l'Amministrazione è tenuta a verificare "ex ante" tutte le situazioni di conflitto di interessi, onde assicurare il più efficace rispetto dell'obbligo di esclusività, che risponde anche al buon andamento, all'imparzialità e alla trasparenza dell'Amministrazione.  In questo quadro si inserisce il comma 9 dell'art. 53 diretto agli enti pubblici economici e ai soggetti privati che conferiscono "incarichi retribuiti a dipendenti pubblici senza la previa autorizzazione dell'Amministrazione di appartenenza dei dipendenti stessi". L'illecito in questione è un illecito amministrativo che non ha natura fiscale-tributaria-finanziaria, ma è riconducibile alla disciplina del pubblico impiego contrattualizzato (Cass. SU 31 ottobre 2019, n. 28210).

 

 
Iscriviti alla newsletter - AranSegnalazioni
Banca Dati Contratti Integrativi