09/11/2020

Sezione Lavoro Ordinanza n. 22985 del 21/10/2020 Pubblico impiego –rinuncia pausa pranzo – natura assistenziale e non retributiva buoni pasto

Stampa PDF
Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (20201021_snciv-sL0-a2020-n22985.pdf)20201021_snciv-sL0-a2020-n22985.pdf 260 Kb

Segnalazione da U.O. Monitoraggio contratti e legale

La Cassazione afferma che, stante la natura assistenziale e non retributiva dei buoni pasto, il diritto agli stessi viene meno qualora il dipendente rinunci a fruire della pausa pranzo. La Corte conferma così la statuizione della Corte d’Appello che aveva rigettato la domanda, di una dipendente ministeriale volta ad ottenere il pagamento del controvalore pecuniario dei buoni pasto non percepiti sul presupposto che, nell’arco temporale oggetto di causa, la ricorrente aveva volutamente rinunciato - con l’avallo della Amministrazione datrice alla pausa pranzo. La Cassazione afferma che il diritto alla fruizione dei buoni pasto ha natura assistenziale e non retributiva, finalizzata ad alleviare, in mancanza di un servizio mensa, il disagio di chi sia costretto, in ragione dell'orario di lavoro osservato, a mangiare fuori casa. Concetto questo contenuto anche nel CCNL applicabile al caso di specie, ove non risultano integrati gli estremi a cui la disciplina collettiva subordina il diritto alla prestazione.

 
Iscriviti alla newsletter - AranSegnalazioni
Banca Dati Contratti Integrativi