15/07/2021

Sezione giurisdizionale Centrale d’Appello per la regione Sicilia sentenza n.84/2021 Enti locali – Parere legale esterno in presenza di avvocatura interna - Danno erariale

Stampa PDF
Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (app sicilia_sent 84-a-2021.pdf)app sicilia_sent 84-a-2021.pdf 5766 Kb

Segnalazione da UO Monitoraggio contratti e legale

Il Collegio condanna un amministratore comunale per avere conferito un incarico ad un avvocato esterno all’amministrazione per l’acquisizione di un parere aggiuntivo a quello già espresso dall’Avvocatura interna. I magistrati contabili condannano la condotta in quanto ritengono l’incarico in questione non giustificato da alcuna disposizione normativa, in particolare, i giudici esprimono l’avviso che “ai sensi del comma 6, dell’art. 7 del d lgs 165/2001, il conferimento di incarichi esterni alla compagine amministrativa, rappresenta un’opzione possibile solo a determinate condizioni tra le quali: la carenza di risorse interne da accertare mediante un’effettiva ricognizione delle professionalità in servizio, la complessità delle problematiche da affrontare per le quali sono necessarie particolari conoscenze non riscontrabili nel personale interno, nonché la specifica indicazione dei contenuti dell’incarico, la sua durata, la predisposizione del compenso. Tali principi devono porsi nell’ambito di una cornice di trasparenza che impone alle amministrazioni, prima di conferire qualsiasi incarico, di regolamentare nell’ambito dei propri ordinamenti le procedure comparative per il loro conferimento al fine di evitare favoritismi e di giustificare il ricorso a costose professionalità esterne”. Il danno è stato parametrato all’ingiustificato esborso della consulenza”.

 
Iscriviti alla newsletter - AranSegnalazioni
Banca Dati Contratti Integrativi