03/06/2021

Wages determinants in the European Union - EUROSTAT

Stampa PDF
Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (Eurostat - Wages determinants in the EU.pdf)Eurostat - Wages determinants in the EU.pdf 1231 Kb

Segnalazione da Direzione Contrattazione 1

Dall'inizio del millennio, Eurostat analizza l'andamento dei salari nominali nell’area euro attraverso dati raccolti con il supporto del Sistema Statistico Europeo. La struttura e l’evoluzione del costo del lavoro e delle retribuzioni costituiscono elementi importanti del mercato del lavoro, che rispecchiano l’offerta di lavoro dei singoli individui e la domanda di lavoro da parte delle imprese. Per i datori di lavoro, i salari rappresentano una parte importante dei costi di produzione e determinano, quindi, in una certa misura la loro competitività in termini di costi. Per la maggior parte dei dipendenti, invece, i salari costituiscono la parte principale del loro reddito contribuendo, in tal modo, al loro benessere economico. Lo scopo dello studio elaborato da Eurostat è quello di spiegare come vengono determinati i salari nei diversi Stati membri, applicando un unico modello di regressione per tutti i paesi analizzati. Inoltre, incrociando i dati ottenuti si possono identificare, misurare ed eventualmente interpretare eventuali differenze nei salari sia tra uomo e donna, sia nei diversi mercati dell’Unione Europea. Da tale analisi si può ottenere, infine, una segmentazione del mercato del lavoro europeo, caratterizzata da un progressivo aumento della flessibilità lavorativa che ha come conseguenza inevitabile una modifica della struttura del mercato del lavoro. In aggiunta, il rapporto di Eurostat si sofferma sull'l'importanza di garantire salari equi e trasparenti per tutti i lavoratori. Questo è un tema che viene affrontato anche nel pilastro europeo dei diritti sociali e che è stato pienamente approvato dalla Commissione Von Der Leyen. È quindi importante monitorare costantemente i livelli e l'andamento dei salari, insieme al costo totale del lavoro. È altrettanto utile analizzare come i profili professionali individuali e le competenze richieste dai datori di lavoro in termini di soft-skills e hard-skills, influenzino i modelli salariali nei diversi paesi dell'UE.  Dal rapporto è emerso che la determinazione dei salari dipende dai seguenti fattori:
- l'età del dipendente;
- il livello di istruzione;
- la tipologia di occupazione.
Lo studio conferma l'impatto generalmente negativo del lavoro a tempo parziale o a tempo determinato sulla retribuzione percepita dai dipendenti. Per l'elaborazione di questo lavoro sono stati registrati i salari lordi percepiti e le competenze presenti sul mercato del lavoro in oltre 500.000 imprese e quasi 11 milioni di dipendenti in tutta l'UE.

 
Iscriviti alla newsletter - AranSegnalazioni
Banca Dati Contratti Integrativi