24/09/2011

SAN179_Orientamenti Applicativi

Stampa PDF

Nei casi previsti dall'art. 17, comma 2, lett. c) e d), del CCNL Integrativo 20 settembre 2001, compete la tredicesima mensilità?

In merito si osserva che la disciplina generale prevista dall'art. 34, comma 5, del d.lgs. n. 151del 2001, la quale dispone che "i periodi di congedo parentale sono computati nell'anzianità di servizio, esclusi gli effetti relativi alle ferie e alla tredicesima mensilità o alla gratifica natalizia", è stata solo parzialmente derogata dal contratto. Infatti quest'ultimo, all' art. 17, comma 2, lett. c) del CCNL Integrativo 20 settembre 2001, prevede che i primi trenta giorni di congedo parentale, "computati complessivamente per entrambi i genitori e fruibili anche in modo frazionato, non riducono le ferie, sono valutati ai fini dell'anzianità di servizio" e sono interamente retribuiti.

Resta, quindi, confermata la disciplina della non erogabilità della tredicesima mensilità prevista dalla citata disposizione legislativa.

Per quanto riguarda i congedi per la malattia del figlio, la norma di carattere generale cui far riferimento è quella prevista dall'art. 48, comma 1, del d.lgs. n. 151 del 2001. Anch'essa è stata parzialmente derogata dal CCNL. Di conseguenza, nei trenta giorni di permesso retribuito, di cui all'art. 17, comma 2, lett. d), del CCNL del 20 settembre 2001, maturano le ferie ma non la tredicesima mensilità.

 
Iscriviti alla newsletter - AranSegnalazioni
Banca Dati Contratti Integrativi
Direzione Contrattazione 2

Tel. 06.32.483.262
Fax. 06.32.483.212
Direttore: Dott. Gianfranco Rucco