21/06/2012

AGF_058_Orientamenti Applicativi

Stampa PDF

E’ possibile concedere una seconda aspettativa per dottorato di ricerca ad un dipendente neo vincitore di concorso, al quale, all'atto della presa di servizio, viene contestualmente concessa una aspettativa per dottorato di ricerca per la durata di un anno, in quanto già impegnato nella frequenza del terzo ed ultimo anno di un corso di dottorato? Inoltre, allo stesso dipendente è consentito, alla scadenza della suddetta aspettativa e senza soluzione di continuità, produrre un'ulteriore domanda di aspettativa per dottorato di ricerca?

L’art. 52, comma 5, del CCNL del 28 maggio 2004, stabilisce che" il dipendente non può usufruire continuativamente di periodi di aspettativa per motivi di famiglia ovvero per la cooperazione con i paesi in via di sviluppo e quelle previste dai commi 2 e 3 per poter usufruire delle quali occorre un periodo di servizio attivo di almeno sei mesi”. Pertanto, per poter utilizzare dette aspettative occorre un periodo di servizio attivo di almeno sei mesi. Tale intervallo è previsto ogni qual volta si richiede un periodo di aspettativa, anche se allo stesso titolo.

In proposito si rinvia all’ art. 19 , comma 3, della Legge 30 dicembre 2010 , n. 240 che ha modificato l’art. 2 della Legge 13 agosto 1984, n.476.

 
Iscriviti alla newsletter - AranSegnalazioni
Banca Dati Contratti Integrativi
Direzione Contrattazione 1

Tel. 06.32.483.231/232
Fax. 06.32.483.393
Direttore: Dott.ssa Maria Vittoria Marongiu