05/09/2012

AII_104_Orientamenti_Applicativi

Stampa PDF

In relazione alle previsioni dell’art.15, comma 2-bis, del D.Lgs.n.546/1992, è possibile erogare al dirigente del settore finanziario compensi per la difesa dell’ente dinanzi alle commissioni tributarie, in analogia alla disciplina dei compensi professionali degli avvocati, di cui all’art.37 del CCNL del 23.12.1999?

La disciplina dei compensi professionali degli avvocati, contenuta per l’area della dirigenza nell’art.37 del CCNL del 23.12.1999, trova applicazione solo presso gli enti che hanno formalmente istituito un ufficio di Avvocatura, secondo le regole dei propri ordinamenti.

A tal fine è necessaria la previa adozione da parte dell’ente stesso di una disciplina specifica in materia di compensi professionali da corrispondere agli avvocati.

Destinatario della stessa è solo ed esclusivamente il personale formalmente inquadrato nello specifico profilo di avvocato ed assegnato all’ufficio dell’Avvocatura dell’ente.

L’art.37 del CCNL del 23.12.1999, nella sua formulazione testuale, facendo espresso riferimento alle sole Avvocature formalmente costituite secondo i rispettivi ordinamenti e rinviando, per la corresponsione dei compensi professionali, ai principi di cui al R.D. 1578 del 1933, non ha inteso riferirsi, indistintamente, a tutti coloro che svolgono funzioni di rappresentanza o difesa dell’ente (nozione ampia, nella quale potrebbero essere ricompresi, ad esempio, anche gli addetti all’ufficio del contenzioso che, ai sensi degli artt.12 del D.Lgs.165/2001 e 417 bis del c.p.c. difendono l’amministrazione nei giudizi di primo grado davanti al giudice del lavoro o quelli addetti al contenzioso tributario), ma solo ai professionisti legali in servizio presso le Avvocature degli enti formalmente costituite secondo i rispettivi ordinamenti ed iscritti nell’elenco speciale dell’albo degli avvocati patrocinanti le pubbliche amministrazioni.

Trattandosi di compensi “professionali” che possono essere corrisposti esclusivamente agli avvocati in servizio presso gli enti locali a seguito di sentenza favorevole agli stessi, si esclude radicalmente che la medesima disciplina possa essere estesa, in via analogica, anche ad altre categorie di personale non rientranti espressamente nell’ambito di applicazione del citato art. 37 del CCNL del 23.12.1999.

 
Iscriviti alla newsletter - AranSegnalazioni
Banca Dati Contratti Integrativi
Direzione Contrattazione 2

Tel. 06.32.483.262
Fax. 06.32.483.212
Direttore: Dott. Gianfranco Rucco