30/10/2019

RISPOSTA DEL PRESIDENTE DELL’ARAN CONS. ANTONIO NADDEO ALLA FEDERAZIONE CIMO SUL CONTRATTO DEI MEDICI

Stampa PDF
Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (0007219-2019.pdf)0007219-2019.pdf 277 Kb

Il presidente dell’Aran Antonio Naddeo ha risposto oggi alla nota trasmessa all’Aran dalla Federazione CIMO FESMED nella quale è stata rivolta all’Agenzia una contestazione in merito al metodo con il quale sono state apportate alcune correzioni al testo della preintesa. In particolare, l’Organizzazione sindacale ha lamentato la circostanza che tali correzioni sarebbero state effettuate in via unilaterale senza confronto con le organizzazioni sindacali.

Nella risposta inviata oggi alla CIMO il Presidente Naddeo ha ricordato che l’Aran ha operato in modo assolutamente trasparente, nel pieno rispetto dei principi di correttezza e buona fede. Infatti, le correzioni apportate sono state tutte tempestivamente trasmesse alle organizzazioni sindacali, compresa la CIMO, durante tutte le fasi del lavoro di revisione del testo contrattuale. Nella sua nota di risposta, Naddeo ha inoltre chiarito che parlare di “modifiche unilaterali” è in ogni caso errato in quanto le correzioni riguardano il testo di una Ipotesi di accordo che diverrà efficace, dopo la fase di controllo, con la sottoscrizione definitiva del contratto da parte dell’Aran e delle Organizzazioni sindacali. In tale sede, ogni sindacato potrà fare le sue valutazioni sul testo definitivo.

Allegato:

nota prot. n . 7219 del 30/10/2019 in risposta alla nota CIMO del 29/10/2019