22/11/2022

In ricordo di Rosario Soloperto

Stampa PDF

Qualche giorno fa ci ha lasciato, dopo una lunga malattia, il nostro collega Rosario Soloperto.

I sentimenti che abbiamo provato dopo la sua scomparsa sono, ovviamente, di dolore e sgomento. Molti di noi gli erano amici e quando un amico ci lascia, se ne va anche un pezzo della nostra vita. Ma crediamo che, nel caso di Rosario, un sentimento che abbia pervaso un po’ tutti sia stato un profondo senso di vuoto.

Perché Rosario è stato un protagonista della storia della nostra Agenzia ed è stato un punto di riferimento per tutto il nostro mondo.

Lo è stato per la passione con cui si è dedicato al suo lavoro. Per le sue grandi capacità, da tutti apprezzate e riconosciute, indiscutibilmente. Lo è stato anche per il suo rigore e la sua integrità. Lo è stato, infine, per alcuni tratti del suo carattere – a volte, celati dietro un’apparente intransigenza – che facevano di lui una persona buona e generosa.

Sono testimonianza di questo vuoto, i tantissimi messaggi di cordoglio e di ricordo della sua figura che ci sono arrivati in questi giorni.

Vogliamo ricordare Rosario, seduto nel suo ufficio, dietro il suo PC, sommerso dall’apparente disordine delle sue carte (perché poi, in realtà, nulla gli sfuggiva e tutto era registrato nella sua straordinaria memoria), intento a svolgere il suo lavoro con la calma di chi, sapendo molto, non ha timore di cimentarsi con i problemi; oppure, in ascolto dei colleghi che gli chiedevano “lumi” su questioni di lavoro o dei tanti che lo chiamavano al telefono per consigli e suggerimenti.