04/02/2021

Sottoscritta a distanza, l’ipotesi di accordo di interpretazione autentica dell’articolo 33, comma 1, lett.a, n. 4, del ccnl dell’area III del 3.11.2005, parte normativa quadriennio 2002-2005- parte economica biennio 2002-2003

Stampa PDF
Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (Ipotesi accordo interpretazione autentica tribunale messina.pdf)Ipotesi accordo interpretazione autentica tribunale messina.pdf 244 Kb

In data 12 gennaio 2021 a seguito di una trattativa condotta in videoconferenza,   è stata sottoscritta l’Ipotesi di  accordo di interpretazione autentica dell’articolo 33, comma 1, lett.a, n. 4, del CCNL dell’area III del 3.11.2005, parte normativa quadriennio 2002-2005- parte economica biennio 2002-2003.

Si tratta, in particolare di una interpretazione autentica, ai sensi dell’art. 64 del D.Lgs.n.165/2001 richiesta dal giudice del lavoro del Tribunale Ordinario di Messina - Sez. Lavoro nei seguenti termini: “…la questione controversa attiene all'interpretazione dell'art. 33 del CCNL area III del 3.11.2005, occorrendo chiarire se la retribuzione di posizione minima unificata, prevista dalla lettera A e rientrante nel trattamento fondamentale {da tenere distinta dalla retribuzione variabile aziendale prevista dalla lettera B rientrante nel trattamento accessorio), possa essere riconosciuta ed erogata anche al dirigente che non sia titolare di alcun incarico;….”;

Le parti, in merito alla suddetta questione hanno concordato, attenendosi alle scelte effettuate, a suo tempo, in sede negoziale, che “L’articolo 33, comma 1, lett. a, n. 4, del CCNL dell’area III del 3.11.2005, parte normativa quadriennio 2002-2005 - parte economica biennio 2002-2003, con riferimento agli ex moduli funzionali DPR 384/1990, sanitari, va interpretato nel senso che la retribuzione di posizione minima unificata che rientra nel trattamento fondamentale è riconosciuta ed erogata anche al dirigente sanitario ex modulo funzionale DPR 384/1990 che non sia titolare di alcun incarico a condizione che i relativi oneri siano sostenuti a carico del pertinente Fondo previsto dal contratto collettivo nazionale.”