22/05/2020

Sottoscritto a distanza il contratto collettivo nazionale di lavoro relativo alla sequenza contrattuale ad integrazione del contratto collettivo nazionale di lavoro del personale del comparto funzioni centrali del 12 febbraio 2018

Stampa PDF

Il 19 maggio 2020 è stato firmato dall’Aran e dalle organizzazioni e confederazioni sindacali rappresentative il contratto collettivo nazionale di lavoro relativo alla sequenza contrattuale ad integrazione del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del personale del comparto Funzioni centrali del 12 febbraio 2018. L’incontro è avvenuto in video conferenza e il contratto, per la prima volta, è stato sottoscritto a distanza.

Il CCNL dà attuazione a quanto previsto nella dichiarazione congiunta n. 6 del CCNL 12/2/2018 con riferimento al personale assunto con contratto a tempo indeterminato a legge italiana dal Ministero degli Affari esteri nelle sedi diplomatiche e consolari e negli istituti di cultura all’estero, in linea con le disposizioni dell’art. 45, comma 5 del d.lgs. n. 165/2001. Vengono riconosciuti incrementi retributivi, relativi al triennio contrattuale 2016-2018, volti a rivalutare sia lo specifico “Fondo risorse decentrate” destinato alla contrattazione di secondo livello sia un compenso già previsto da un precedente CCNL (art. 12 del CCNL successivo del 12/4/2001), le cui misure sono differenziate in base ai Paesi in cui il servizio è prestato. Detti incrementi sono stati previsti in una misura corrispondente a quelli già attribuiti al restante personale dei ministeri.

Nel quadro dell’intesa raggiunta, le Parti hanno inoltre formalizzato l’impegno ad affrontare, mediante successivi incontri tecnici, l’analisi delle discipline generali di comparto, al fine di armonizzarne l’applicazione al personale regolato dall’accordo.