24/02/2021

CIRS44

Stampa PDF

Quale è il limite temporale ed il relativo trattamento economico del congedo parentale riconosciuto ad entrambi i coniugi nell’arco dei primi dodici anni di vita del bambino?

L’art. 12, comma 4, del CCNL comparto Scuola 29.11.2007 conferma una norma di miglior favore già prevista dai precedenti contratti ed avente ad oggetto il trattamento economico dei primi trenta giorni di congedo parentale di cui all’art. 32 del d. lgs n. 151/2001. In merito va rilevato che tale disciplina di maggior favore si inserisce nell'ambito della cornice legale derivante dal combinato disposto degli artt. 32 e 34 dello stesso decreto. Infatti, se l’art. 32 disciplina il "periodo" di congedo parentale a cui ha diritto ciascun genitore nei primi dodici anni di vita del bambino, è l’art. 34 che ne prevede il relativo trattamento economico.

Pertanto, l’art. 12, comma 4, del CCNL 29.11.2007 richiama l'art. 32 del d.lgs. n. 151/2001 con esclusivo riferimento alle modalità e ai tempi di fruizione del congedo da parte di ciascun genitore, mentre la deroga in melius rinvenibile in tale comma 4 è evidentemente correlata all'indennità disciplinata dal successivo art. 34, comma 1, del d. lgs. n. 151/2001.

Ne consegue che, ai sensi dell'art. 12, comma 4, i primi trenta giorni di congedo parentale sono retribuiti per intero solo se sono fruiti dal lavoratore prima del compimento del sesto anno di vita del bambino.

Se, invece, essi sono richiesti per la prima volta dal genitore dopo il sesto ed entro l’ottavo anno di vita del bambino, il trattamento economico pari al 100% della retribuzione potrà essere riconosciuto solo se sussistano le condizioni di reddito previste dalla legge (art. 34, comma 3, d. lgs. n.151/2001; sul punto si veda anche la circolare INPDAP n. 49 del 27/11/2000 punto 2, lett. B).