SETTEMBRE 2011

  • Focus ( 2 articoli )



  • AttualitĂ  ( 3 articoli )



  • Flash notizie Aran ( 5 articoli )



    • Circolare della funzione pubblica n. 10/2011
      Stampa PDF

      Il decreto legge n. 98/2011 convertito in legge n. 111/2011 ha modificato, tra le altre cose, l’art. 55 septies del d.lgs. n. 165/2001 che detta la normativa in caso di assenze per malattia del dipendente pubblico, estendendo inoltre il regime della reperibilità, contenuto nell’articolo, anche al personale di diritto pubblico non rientrante nel campo di applicazione del decreto suddetto. A seguito di ciò il Dipartimento della funzione pubblica ha emanato la circolare n. 10/2011 del 9 agosto 2011 che in parte modifica la precedente circolare sulla materia.

    • Circolare della funzione pubblica n. 10/2011
      Stampa PDF

      Il decreto legge n. 98/2011 convertito in legge n. 111/2011 ha modificato, tra le altre cose, l’art. 55 septies del d.lgs. n. 165/2001 che detta la normativa in caso di assenze per malattia del dipendente pubblico, estendendo inoltre il regime della reperibilità, contenuto nell’articolo, anche al personale di diritto pubblico non rientrante nel campo di applicazione del decreto suddetto. A seguito di ciò il Dipartimento della funzione pubblica ha emanato la circolare n. 10/2011 del 9 agosto 2011 che in parte modifica la precedente circolare sulla materia.

    • Circolare della funzione pubblica n. 9 del 1° agosto 2011
      Stampa PDF

      La circolare contiene chiarimenti riguardo alla applicazione dell’art. 16 della legge n. 183/2010 che prevede la possibilità, per le PP.AA., di sottoporre ad una nuova valutazione le situazioni di trasformazione del rapporto di lavora da tempo pieno a tempo parziale, già esistenti alla data di entrata in vigore del d.l. n. 112/2008 (L. n. 133/2008).

    • Congedi, aspettative, permessi – riordino della materia
      Stampa PDF

      Nella gazzetta ufficiale del 27 luglio 2011 è stato pubblicato il testo del decreto legislativo 18 luglio 2011 n. 183: “Attuazione dell’art. 23 della legge 4 novembre 2010 n. 183, recante delega al Governo per il riordino della normativa in materia di congedi, aspettative e permessi”.

    • Modifiche ed integrazioni al d.lgs. n. 150/2009
      Stampa PDF

      Nella gazzetta ufficiale del 22 agosto 2011 è stato pubblicato il testo del decreto legislativo del 1° agosto 2011 n. 141: “Modifiche al decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni, a norma dell’art. 2 comma 3 della legge 4 marzo 2009 n. 15”. Sull’argomento, di sicuro interesse, sarà pubblicato in seguito un più dettagliato approfondimento.

  • Osservatorio sulla giurisprudenza del lavoro pubblico ( 1 Articolo )
  • Aran in Europa ( 1 Articolo )



EDITORIALE
Un periodo di transizione

 

Nonostante il blocco dei contratti e i limiti di crescita delle retribuzioni, le amministrazioni pubbliche devono continuare a sostenere gli importanti processi di riforma e di ammodernamento che il sistema produttivo si attende. In un quadro di ristrettezze finanziarie, i margini di azione per impostare azioni di sviluppo e rilancio della PA sono assai stretti, ma proprio per questo vanno sfruttati al massimo e perseguiti con tutto l'impegno possibile. Un contributo importante può venire anche dal cosiddetto dividendo dell'efficienza, meccanismo introdotto per destinare alla contrattazione integrativa una parte dei risparmi conseguiti attraverso processi di digitalizzazione e recupero di efficienza. Essenziale appare anche il ruolo del sindacato, attraverso un confronto positivo e costruttivo sui problemi di sviluppo e rilancio del settore pubblico.

Appare del tutto evidente che, con il blocco della contrattazione nazionale per il triennio 2010-2012, si apre una fase delicata di passaggio, durante la quale le scarse opportunità di confronto con le Organizzazioni sindacali non facilita il clima in cui si svolgono solitamente le relazioni sindacali. La necessità della “moratoria” contrattuale è stata spiegata e ribadita sia rispetto alla situazione interna del nostro paese sia e, soprattutto, in relazione al contesto più ampio dei principali paesi dell’area euro coinvolti, come noi, in un difficile momento congiunturale.

leggi tutto...