05/01/2017

Assunzioni e mobilità delle Regioni e degli enti locali. Ripristino dell’ordinario regime di reclutamento

Stampa PDF
Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (Nota_Assunzioni_e_mobilita_regioni_e enti_locali.pdf)Nota_Assunzioni_e_mobilita_regioni_e enti_locali.pdf 90 Kb

Segnalazione da UO Studi e analisi compatibilità

Il Dipartimento della Funzione Pubblica con nota dell’Ufficio per l’organizzazione ed il lavoro pubblico n. 66110 del 13 dicembre 2016 stabilisce che, dai dati acquisiti sul Portale, attesa l’assenza o l’esiguo numero di personale in soprannumero degli enti di area vasta da ricollocare nella fase 3, ai sensi dell’art. 1, comma 234, della L. 208/2015, sono ripristinate le ordinarie facoltà di assunzione e le procedure di mobilità anche per le Regioni Abruzzo, Calabria, Campania, Molise e Puglia e per gli enti locali che insistono sul loro territorio. Per gli enti e le aziende del Servizio sanitario nazionale di tutte le regioni rimangono fermi gli obblighi ad assumere con procedure di mobilità il personale della CRI di cui all’art. 6, comma 7, del D. Lgs. 178/2012.