22/07/2010

CCNL economico 2008 – 2009

Stampa PDF
Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (ccnl 2008_2009 PCM.pdf)ccnl 2008_2009 PCM.pdf 215 Kb

 

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO RELATIVO AL PERSONALE DEL COMPARTO DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

BIENNIO ECONOMICO 2008 - 2009

 

Il giorno 22 luglio 2010 alle ore 12,30 presso la sede dell’Aran, ha avuto luogo l’incontro tra:

L' ARAN nella persona del Commissario straordinario cons. Antonio Naddeo __firmato__

e le seguenti Organizzazioni e Confederazioni sindacali :

Organizzazioni sindacali Confederazioni
SNAPRECOM firmato
CISL FPS firmato
CISL firmato
RDB/PI CUB
firmato RDB CUB
firmato
SIPRE
firmato USAE
firmato
UGL PCM firmato UGL firmato
FLP firmato CSE firmato
UIL/PA firmato UIL
firmato

 

Al termine della riunione le parti sottoscrivono l’allegato Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro relativo al personale del comparto della Presidenza del Consiglio dei Ministri per il biennio economico 2008 – 2009.

 

CCNL- BIENNIO ECONOMICO 2008-2009

COMPARTO PRESIDENZA CONSIGLIO DEI MINISTRI

 

INDICE

TITOLO I - Disposizioni generali

Art. 1 - Campo di applicazione, durata e decorrenza del contratto

TITOLO II - Rapporto di lavoro

Art. 2 - Disposizioni particolari in materia di sistema classificatorio

TITOLO III - Trattamento economico

Art. 3 - Stipendio tabellare

Art. 4 - Effetti dei nuovi stipendi

Art. 5 - Fondo Unico della Presidenza

TABELLA A

TABELLA B

DICHIARAZIONE A VERBALE DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

DICHIARAZIONE CONGIUNTA N. 1

 


TITOLO I - Disposizioni generali

Art. 1 - Campo di applicazione, durata e decorrenza del contratto

1. Il presente contratto si applica a tutto il personale con rapporto di lavoro a tempo indeterminato e a tempo determinato dipendente del comparto della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

2. Il presente contratto si riferisce al periodo dal 1° gennaio 2008 al 31 dicembre 2009 e concerne gli istituti giuridici e del trattamento economico di cui ai successivi articoli.

3. Gli effetti decorrono dal giorno successivo alla data di stipulazione, salvo diversa prescrizione del presente contratto.

4. Il riferimento al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni è riportato nel testo del presente contratto come d.lgs. n. 165 del 2001.

5. Il riferimento alla Presidenza del Consiglio dei Ministri è riportato nel testo del presente contratto come Presidenza o Amministrazione.

6. A seguito di specifici interventi legislativi, il presente contratto si applica anche al personale trasferito nei ruoli della Presidenza del Consiglio dei Ministri per le funzioni relative alla Segreteria del CIPE nonché per i compiti in materia di Turismo e Sport, ai sensi del decreto legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2006, n. 233.

7. Per quanto non previsto dal presente contratto restano ferme le disposizioni contenute nei precedenti CCNL.

 

TITOLO II - Rapporto di lavoro

Art. 2 - Disposizioni particolari in materia di sistema classificatorio

1. Con riferimento all’Allegato 1 (tabella di trasposizione automatica del sistema di classificazione) del CCNL del 31 luglio 2009, è inserito, nella categoria B, un ulteriore parametro retributivo F9, cui si accede secondo quanto previsto dall’art. 11 del predetto CCNL.

2. Gli oneri di cui al presente articolo, nell’ambito delle risorse disponibili, sono posti a carico del Fondo Unico della Presidenza di cui all’art. 5.

 

TITOLO III - Trattamento economico

Art. 3 - Stipendio tabellare

1. Gli stipendi tabellari, come stabiliti dall’art. 22 del CCNL del 31 luglio 2009, sono incrementati degli importi mensili lordi, per tredici mensilità, indicati nella Tabella A ed alle scadenze ivi previste.

2. Gli importi annui degli stipendi tabellari risultanti dall’applicazione del comma 1 sono rideterminati nelle misure e con le decorrenze stabilite dalla allegata Tabella B.

3. Per conferire maggiore progressività agli sviluppi economici conseguibili all’interno della Categoria B, il valore annuo della posizione economica F3 è ulteriormente incrementato, a decorrere dal 01/01/2009, di un importo annuo per dodici mensilità, cui aggiungere la tredicesima mensilità, pari a 300 €.

4. Gli incrementi di cui al comma 1 comprendono ed assorbono l’indennità di vacanza contrattuale, secondo le previsioni dell’art. 2, comma 35, della legge 22 dicembre 2008, n. 203, nonché le misure dell’indennità integrativa speciale negli importi in godimento.

 

Art. 4 - Effetti dei nuovi stipendi

1. Le misure degli stipendi risultanti dall’applicazione del presente contratto hanno effetto sulla tredicesima mensilità, sul compenso per lavoro straordinario, sul trattamento ordinario di quiescenza, normale e privilegiato, sull’indennità di buonuscita, sul TFR, sull’indennità di cui all’art. 64, comma 4 (codice disciplinare) ed all’art. 67, comma 7 (sospensione cautelare in caso di procedimento penale) del CCNL del 17 maggio 2004, sull’equo indennizzo, sulle ritenute assistenziali e previdenziali e relativi contributi, comprese la ritenuta in conto entrata Tesoro od altre analoghe ed i contributi di riscatto.

2. I benefici economici risultanti dalla applicazione dell’art. 3 sono corrisposti integralmente alle scadenze e negli importi previsti al personale comunque cessato dal servizio, con diritto a pensione, nel periodo di vigenza del biennio economico 2008-2009. Agli effetti del trattamento di fine rapporto, dell’indennità di buonuscita, di licenziamento, nonché di quella prevista dall’art. 2122 c.c. si considerano solo gli scaglionamenti maturati alla data di cessazione del rapporto di lavoro.

3. Resta confermato quanto previsto dal comma 3 dell’art. 78 del CCNL del 17 maggio 2004.

 

Art. 5 - Fondo Unico della Presidenza

1. Al fine di incentivare la produttività dei dipendenti, il Fondo Unico di cui all’art. 82 del CCNL del 17 maggio 2004, come integrato dall’art 26 del CCNL del 31 luglio 2009, sarà integrato sulla base di specifiche disposizioni di legge, come segue:

- le risorse derivanti dai tagli ai fondi unici di amministrazione di cui all’art. 67, comma 5, del D.L. 25 giugno 2008, n. 112 convertito dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, che saranno recuperate, con le modalità previste dall’art. 61, comma 17;

- una quota parte degli eventuali risparmi aggiuntivi previsti dal comma 34 dell’art. 2, della legge 203 del 2008 (finanziaria per il 2009), realizzati per effetto di processi amministrativi di razionalizzazione e riduzione dei costi di funzionamento dell’amministrazione, attivati in applicazione del citato D.L. n. 112 del 2008, che possono essere destinate al finanziamento della contrattazione integrativa, a seguito di verifica semestrale effettuata dal Ministro della pubblica amministrazione e l’innovazione, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, ai sensi e con le modalità di cui all’art. 2, comma 33 della medesima legge finanziaria.

 

Tabella A - Incrementi mensili della retribuzione tabellare
Valori in Euro da corrispondere per 13 mensilità
Categorie Parametri retributivi Dal 1.4.2008 Rideterminato dal 1.7.2008(1) Rideterminato dal 1.1.2009(2)
Ispettore gen. r.e 12,09 20,15 120,22
Direttore div. r.e. 11,24 18,73 111.73
F9 12,88 21,46 128,04
F8 12,32 20,53 122,47
F7 11,74 19,57 116,74
A F6 11,06 18,44 110,01
F5 10,36 17,27 103,01
F4 9,74 16,23 95,56
F3 8,86 14,77 87,08
F2 8,39 13,98 83,34
F1 8,10 13,54 80,47
F8 8,39 13,98 83,15
F7 8,13 13,54 80,79
F6 7,86 13,10 78,16
B F5 7,41 12,35 74,74
F4 6,97 11,62 69,32
F3 6,63 11,05 65,91
F2 6,50 10,84 64,65
F1 6,28 10,46 62,41

(1) Il valore a decorrere dal 1.7.2008 comprende ed assorbe l'incremento corrisposto dal 1.4.2008.

(2) Il valore a decorrere dal 1.1.2009 comprende ed assorbe l'incremento corrisposto dal 1.7.2008.

 

Tabella B - Nuova retribuzione tabellare
Valori in Euro per 12 mensilità cui aggiungere la 13^mensilità
Categorie Parametri retributivi Dal 1.1.2009 DAl 1.12.2009(1)
Ispettore gen. r.e 31.850,98 33.540,58
Direttore div. r.e. 29.601,97 31.171,57
F9 33.924,48 35.723,52
F8 32.447,64 34.168,92
F7 30.928,88 32.569,52
F6 29.144,60 30.690,20
F5 27.300.23 28.747,91
A F4 25.631,48 26.991,80
F3 23.333,19 24.571,59
F2 22.089,40 23.260,60
F1 21.325,68 22.456,56
F9(2) - 24.065,32
F8 22.093,16 23.265,32
F7 21.403,36 22.539,04
B F6 20.710,60 21.808,84
F5 19.536,31 20.572,15
F4 18.364,06 19.338,46
F3(3) 17.761,22 18.687,62
F2 17.128,07 18.036,23
F1 16.534,31 17.411,75

(1) Decorrenza della nuova retribuzione tabellare per orario ordinario di lavoro a 38 ore settimanali (ai sensi dell'art 13 e dell'art 28 del CCNL sottoscritto il 1 Luglio 2009).

(2) Il valore del parametro retributivo F9 decorre dal momento in cui verranno attuate le relative procedure selttive.

(3) Il valore del parametro retributivo F3 contiene l'adeguamento stabilito dall'art. 3 c.3.

 

 

DICHIARAZIONE A VERBALE DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

La Presidenza del Consiglio si impegna a verificare le eventuali ricadute del nuovo regime dell’orario di lavoro, di cui all’art. 13 del CCNL del 31 luglio 2009, su altri istituti giuridico-economici relativi al rapporto di lavoro, tra cui ferie, lavoro straordinario e permessi orari a recupero. Da tale verifica non dovranno derivare nuovi o maggiori oneri.

 

DICHIARAZIONE CONGIUNTA N. 1

Con riferimento all’art. 1, comma 6, del presente CCNL, le parti intendono precisare che l’efficacia di tale norma contrattuale è connessa alla approvazione definitiva degli “specifici interventi legislativi” che disciplineranno la questione, secondo la decorrenza ivi indicata.

 
Banca Dati Contratti Integrativi
Direzione Contrattazione 1

Tel. 06.32.483.231/232
Fax. 06.32.483.393
Direttore: Dott.ssa Elvira Gentile